PAPAYA – UN CONTENITORE DI SALUTE

Da alcuni giorni sono in Colombia, il paese che vanta un’incredibile varietà di frutta… Passeggiando, da ogni angolo spuntano mercatini, banchetti e carretti con piramidi di frutta di tutte le forme, colori e sapori…

Oggi vorrei parlarvi della regina dei frutti tropicali, la PAPAYA, un contenitore incredibile di proprietà benefiche per la nostra salute. Scopriamo dunque come utilizzare al meglio tutte le sue virtù.

L’albero della Papaya è caratterizzato dalle foglie grandi e dai frutti di forma oblunga che hanno una buccia liscia verde – giallastra e piccoli semi interni mucillaginosi mentre la polpa è di colore arancione, dolce e succosa.

Le proprietà benefiche della papaya

Il frutto contiene circa 35-40 Kcal per etto apportando carboidrati per la maggior parte sotto forma di zuccheri semplici, proteine  e grassi in quantità trascurabili mentre da un punto di vista nutrizionale è un autentico elisir di benessere.

La polpa è ricchissima di enzimi proteolitici, tra cui spicca la papainain grado di scindere le proteine alimentari in semplici aminoacidi, favorendo i processi digestivi.

Diversi studi hanno dimostrato che la polpa di papaia è un utile coadiuvante intestinale sia in caso di stipsi che per la normalizzazione di feci troppo liquide, serve solo variare il dosaggio. Diventa un aiuto prezioso anche in caso di colon irritabile con un miglioramento del dolore e del gonfiore.

Il suo contenuto di vitamina C, essenziale per l’assorbimento del ferro e per la formazione di globuli rossi, ossa e denti, è superiore a quello dell’arancio. E’ altrettanto ricca di pro-vitamina A, il che la rende amica della pelle e dei capelli, utile per mantenere in salute il tratto urinario, i polmoni e l’apparato digerente. Esercita anche un importante azione preventiva nei confronti delle malattie cardiovascolari.

In particolare, è degna di nota la ricchezza in antiossidanti come selenio e flavonoidi in grado di rinforzare il sistema immunitario, proteggere dai tumori e combattere i radicali liberi responsabili dell’invecchiamento cellulare.

 

I flavonoidi inoltre, assicurano lo smaltimento di tossine e favoriscono il benessere dell’apparato circolatorio.

Degna di nota è anche l’elevata disponibilità di sali minerali in particolare potassio, magnesio, fosforo e calcio utili soprattutto per il benessere dell’apparato osteo-articolare.

Infine, la papaya presenta una notevole proprietà alcalinizzante in grado di ristabilire l’equilibrio acido – base spesso scompensato da un’iperacidità dovuta a diete carenti di frutta e verdura fresche.

Ora eccovi qualche idea per consumare la papaya e godere dei suoi benefici!

Mangiata tal quale, in piena maturazione, ha un sapore dolce e gradevole ma può essere utilizzata per la preparazione di bevande anche in associazione ad altri frutti.

Succhi di papaia e pera, papaia e ananas, papaia e arancia, papaya e melograno sono una bomba antiossidante mentre frullata con banana e pesca garantisce un pieno di potassio. Per rendere il frullato più sostanzioso potete aggiungere dei datteri o dell’uva passa e a piacere aromatizzare con vaniglia.

Come contorno, la papaya verde rende la carne più tenera e digeribile. Privata dei semi può essere aggiunta alla carne anche in cottura, perché utilizzata in questo modo è un ottimo complemento per i piatti di pesce e per quelli ricchi di proteine e grassi difficili da digerire.

La polpa può essere utilizzata per la preparazione di salse con aggiunta di limone, peperone dolce, miele o per chi vuole renderla piccante anche del peperoncino macinato ed aromi a piacere.

Altre salse dolci con mela, banana e cannella vengono proposte per sane colazioni, ideali anche per i bambini. Anche in questo caso la salsa frullata può essere arricchita con frutta secca. Nell’Ayurveda, la papaia è consigliata per mantenere in equilibrio i tipi costituzionali Vata e Pitta. Gradevoli i pezzetti di papaya candita che possono essere aggiunti al muesli per la prima colazione o consumati come spuntino spezza fame.

Nella cucina tradizionale potete unirla alle vostre insalate, vegetali o di pesce, utilizzarla nella preparazione di creme dolci, fresca a fette sopra ad una crostata, aggiunta alle vostre macedonie o utilizzata per preparare marmellate. In molte ricette per la realizzazione dei prodotti da forno viene utilizzata in purea o piccoli pezzi con aggiunta di noci, mandorle, fichi e spezie.

E per la stagione calda non fatevi mancare il sorbetto preparato mescolando la polpa matura di papaya con acqua, zucchero di canna e limone prima di essere posizionato in freezer. Gustatelo semplice o accompagnato da frutta fresca di stagione!

Controindicazioni della papaya

In alcuni paesi asiatici si utilizzano i semi di papaya come contraccettivo naturale, bisogna stare attenti perché l’uso prolungato dei semi sembrerebbe avere portato a casi di infertilità maschile, per fortuna reversibile.

Anche le donne in gravidanza devono stare attente al consumo di papaya, perché il frutto acerbo contiene della papeina, sostanza ricca di proprietà digestive ma che può indurre contrazioni uterine.

Attenzione anche al lattice contenuto nella scorza, gli allergici devono sapere che può provocare reazioni.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *