LA VISIONE – IL FUTURO CHE SOGNIAMO

“Se non sapete dove andate, come farete a sapere se siete arrivati… se non avete una visione personale finirete ad inseguire quella di qualcun altro.”

Nonostante l’affermazione citata sia una verità incontestabile, possiamo dire che poche persone hanno una percezione chiara della propria vita, del lavoro che svolgono e delle relazioni che intrattengono.

Viviamo di giorno in giorno sopraffatti di impegni ed occupazioni che ci sottraggono tempo ed energia, in una società che ci pone obiettivi e standard sempre più pressanti.

Dovremmo sempre stare attenti a 1000 cose; alimentazione, attività fisica, salute, gestione dello stress, relazioni interpersonali, armonia famigliare, educazione dei figli, carriera… e si presuppone che insieme a tutto ciò dovremmo riuscire a trovare del tempo per goderci la vita, coltivare dei hobby, viaggiare, apparire sempre in forma e giovani, riuscire anche a meditare o dedicarsi alla vita spirituale…

Forse potremmo anche riuscirci, se ogni giornata avesse 48 ore e la nostra vita durasse almeno 200 anni!

In altre parole, se prendiamo in considerazione tutte queste esigenze, è più che ovvio che sia facile perdersi tra le aspirazioni personali e le pressanti aspettative della società.

Qual è allora il segreto? Come potremmo mai riuscire a sentirci appagati, e se possiamo azzardare, anche soddisfatti e felici?

L’insuccesso esistenziale di tanti personaggi famosi ci conferma che il benessere materiale non è la chiave. Si può avere tutto ed essere persone più infelici del mondo.

Come disse Dalaj Lama: “Sacrifichiamo la nostra salute per ottenere denaro. Dopo di che, sacrifichiamo il denaro per riottenere la salute. Siamo sempre preoccupati per il futuro che non riusciamo a vivere il presente. Viviamo come se non dovessimo mai morire, e moriamo come se non avessimo mai vissuto.”

Per tanti, prima o poi, arriva la consapevolezza di questo vuoto esistenziale. Nonostante il benessere materiale, un buon posto di lavoro, la famiglia, lo status acquisito…si percepisce la mancanza di qualcosa.

I più fortunati che arrivano a questa consapevolezza riescono a capire che si tratta di una mancanza di passioni e di motivazioni. Questa mancanza spesso nasconde l’assenza di una chiara visione di ciò che vogliamo per il nostro futuro, la costanza e la fede nella sua realizzazione.

Possono sembrare situazioni molto difficili, ma i sintomi di malessere che ci fanno visita spesso sono un prezioso consigliere che accende la lampadina, avvertendoci che dobbiamo cambiare strada. Bisogna saper cogliere questi segnali e tramutarli in qualcosa di buono!

Non è facile arrivare a questo stadio. Karl Gustav Jung diceva infatti che viviamo la prima metà della vita compiendo la visione di qualcun altro, è poi, se siamo abbastanza fortunati, viviamo il resto della vita così come ci piace.

Se anche voi, attraversando il sentiero della vita, vi siete smariti o soffermati incerti su come proseguire, fermatevi un momento e cercate di immaginare la vita che vorreste… in altre parole, cercate la vostra visione!

La questione che si pone, ovviamente, è come attivare questo processo.

Ci sono diversi modi, ma non esiste una formula matematica. Ognuno di noi deve trovare la strada che più gli si adice.

Prima di tutto, dobbiamo passare più tempo con noi stessi, rilassarci, riposarci, avvicinarci alla natura, dedicarci alle attività creative che ci piacciono; musica, pittura, danza, fotografia… consapevoli del fatto che la visione non arriva a comando! Bisogna uscire da schemi rigidi che dettano la quotidianità… Cercate piuttosto il bambino che vi abita, GIOCATE, ricordate cosa vi faceva felici quando eravate piccoli e lasciatevi guidare dall’intuizione.

Uno dei metodi utilizzati per aiutarsi in questa ricerca è la realizzazione della cosiddetta VISION BOARD ossia la LAVAGNA DELLA VISIONE. Può costituire uno stimolo interessante per iniziare a lavorare su voi stessi, perché non c’è nessuno che potrà aiutarvi se prima di tutto non vi mettete in gioco da soli!

Munitevi quindi di colori, fobici, colla e vecchi giornali, fatevi avvolgere delle note di una musica che amate…e siete pronti per iniziare questo entusiasmante percorso … alla ricerca della felicità!

Avete bisogno di una lavagna o un foglio di carta grande che pian piano riempirete con immagini e colori che vi piacciono, con parole che daranno voce ai vostri desideri…

Il processo di realizzazione della vostra VISION BOARD attiverà la fantasia e i processi creativi che daranno adito alle idee nuove e apriranno la vostra mente alle possibilità ed alle risorse necessarie per realizzarle.

Ricordatevi che in ogni percorso di ricerca interiore è fondamentale garantire alcuni presupposti; come uno scrittore che ha bisogno di tempo e di tranquillità per scrivere, anche noi, per scrivere il romanzo più importane, quello della nostra vita, dobbiamo permetterci di uscire dal pensiero razionale e di attivare l’emisfero destro del cervello risvegliando l’intuizione, la creatività ed una visione olistica della vita.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *